Calendario Religioso- Poseideon I / 2790-2791

calendario

- Principali celebrazioni del mese -

V Quinto giorno- Πέμπτη Ἱσταμένου
Plerosia- festival a Myrrhinous, in onore di Zeus.

VIII Ottavo giorno- Ὀγδόη Ἱσταμένου
Posidea;
sacrificio privato a Poseidone.

XV Quindicesimo giorno- Πέμπτη Μεσοῦντος
Kat’Agroùs Dionysia- Dionisie rurali (Theoinia?)- processione fallica, sacrifici, agoni e rappresentazioni teatrali.

XVI Sedicesimo giorno- Ἕκτη Μεσοῦντος
Kat’Agroùs Dionysia- Dionisie rurali- Askolia;
Sacrificio a Zeus Horios e Athena Horia (ad Erchia)

XIX Diciannovesimo giorno- Ἐνάτη Μεσοῦντος
Sacrificio privato agli Anemoi (Venti);
Riunione περὶ Διονυσίων a Myrrhinos.

XXVI Ventiseiesimo giorno- Πέμπτη Φθίνοντος
Haloa, in onore di Demetra e Dionysos; processione da Atene ad Eleusi, pannychis, ‘feste dell’aia’, Mysteria di Demetra, Kore e Dioniso, banchetto; onori a Poseidone Patêr, Prosbatêrios (‘degli avvicinamenti’) e Themeliouchos (‘detentore delle fondamenta) e Persephone.

Immagini e riflessioni dalla conferenza a Roma – Pictures and thoughts from the congress in Rome!

“Anche noi considereremo gli Dei come guide dell’insegnamento che Li concerne. Ed Essi, dal canto Loro, avendoci ascoltati, venuti a noi ‘propizi e benevoli’, guidino l’intelletto della nostra anima e lo facciano pervenire all’altare di Platone e alla vetta di questa contemplazione. Una volta lì giunti riceveremo tutta quanta la verità riguardante gli Dei, e raggiungeremo il compimento migliore del nostro travaglio, a cui siamo soggetti in relazione alle realtà divine, poiché desideriamo ardentemente conoscere qualcosa attorno ad esse, sia cercando di sapere da altri, sia mettendoci direttamente alla prova per quanto possibile.” (Proclo, Theol. I 8, 6-15)

 

Conferenza

Riceviamo e ricondividiamo, dagli amici di Ereticamente, questo bel post relativo alla conferenza svoltasi a Roma lo scorso 8 Novembre! Immagini molto significative, secondo il nostro modesto parere, come ulteriore conferma della buona riuscita dell’evento, e della sua importanza per un serio e reale Rinascimento spirituale e culturale, che non può che avere come basi la Tradizione Greco-Romana e gli insegnamenti, filosofici e pratici ad un tempo, dei nostri gloriosissimi Antenati! Come abbiamo desiderato ricordare anche durante questo Convivium che si è appena svolto: sempre bisogna iniziare dagli Dei, tutto torna a volgersi verso gli Dei. Quindi, avendo preso le mosse proprio da Loro, a Loro ci rivolgiamo nuovamente affinché la strada intrapresa ci guidi tutti alla ‘nostra vera Patria’, non solo per il bene delle anime individuali, ma soprattutto per il Bene comune…!!! Detto questo, non possiamo che sottolineare ancora l’importanza di questo evento, anche ricorrendo appunto alle belle immagini e a qualche numero che testimoni, insieme a parole ed immagini, quanto è stato realizzato, con dedizione e cura: dieci relatori ed un’intera giornata dedicata alle relazioni, alle domande e al dialogo ‘vecchio stile’, ossia non sterile bensì costruttivo e fecondo, con più di 120 partecipanti, non solo da tutta Italia ma anche dall’estero (di fatto, la presenza di così tante persone, che soprattutto hanno dimostrato una grande attenzione per i temi trattati, è stata non solo una bella sorpresa ma anche un grande onore!), e in aggiunta a tutto questo, anche la presentazione di ben quattro testi inediti – infine, il tutto avrà anche un seguito importante, con la pubblicazione degli atti del congresso in un numero speciale della rivista Pietas! Concludiamo, ringraziando di cuore sia gli organizzatori sia tutti i partecipanti ed augurandoci di avere presto un’altra simile occasione per proseguire insieme il lavoro intrapreso…!

***

We receive and share in turn, from our friends of Ereticamente, this nice post on the conference held in Rome on November 8th! Meaningful images, in our humble opinion, as a further confirmation of the success of the event, and its importance for a real and serious Renaissance, spiritual and cultural, which can only have as a basis the Greek-Roman Tradition and the teachings, philosophical and practical at the same time, of our glorious Ancestors!  As we wanted to remember during this Convivium that has just taken place: always we have to start from the Gods, everything comes back to turn to the Gods. So, having started from Them, to Them we turn again so that the road taken may guide us all to ‘our true Homeland’, not only for the good of the individual souls, but also for the common Good … !!! That said, we have to emphasize the importance of this event, even using the pretty pictures and some numbers that witness, along with words and images, what has been achieved, with dedication and care: ten speakers and a full day devoted to reports, questions and ‘old style’ dialogue, that is not sterile but constructive and fruitful, with more than 120 participants, not only from Italy but also from abroad (in fact, the presence of so many people, that especially showed great attention to the issues discussed, was not only a surprise but also a great honor!), and in addition to this, the presentation of four new texts – finally, all this will have also an important following, with the publication of the proceedings of the conference in a special issue of the journal Pietas! We conclude by thanking from the heart both the organizers and all the participants and hoping to soon have a similar opportunity to continue the work undertaken together …!

LINK ALLE FOTO – LINK TO THE PICTURES

 

Commento al Timeo – II parte, V sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

387747_2646126158990_1520942915_n

  • III. La Causa Finale

- Diciamo dunque per quale ragione l’artefice realizzò la generazione e questo universo – Spiegazione generale; Spiegazione dei singoli termini: ‘generazione’, ‘Tutto/universo’, ‘l’Artefice realizzò’.

- Egli era buono, ed in chi è buono non si genera mai alcuna invidia riguardo a nessuna cosa – Spiegazione generale; Spiegazione dei singoli termini: ‘era buono’, ‘non si genera mai alcuna invidia’ – ‘riguardo a nessuna cosa’.

- Essendone dunque esente, volle che tutto fosse generato, per quanto era possibile, simile a lui – Spiegazione generale; Perpetuità del Cosmo e Bontà del Padre.

- Se si accettasse da uomini assennati questo principio come il più fondato della generazione e del cosmo, lo si accetterebbe nel modo più corretto – Spiegazione generale.

- Volendo infatti il Dio che tutte le cose fossero buone, e nessuna cattiva, per quanto possibile – Spiegazione generale; La Volontà; In che senso il Demiurgo vuole che tutto sia buono? Esiste il male nel Tutto? Dottrina di Siriano; Sull’origine del male; Se il Cosmo comporta il male, perché esiste? Il Dio ha voluto o non ha voluto il male? Conclusioni sul ‘problema del male’.

 

LINK DOCUMENTO PDF 


Commento al Timeo – II parte, IV sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

  • II. Sul discorso fisico e sui suoi ascoltatori

- “Così allora si deve distinguere l’immagine dal suo modello

- “come se i discorsi fossero parenti di quelle cose di cui sono interpreti

- “i discorsi, dunque, intorno a ciò che è saldo e fisso ed evidente all’intelletto sono saldi ed immutabili – e per quanto è possibile conviene che siano inconfutabili ed invincibili, e nulla di ciò deve mancare

- “quanto invece a quei discorsi che si riferiscono a ciò che raffigura quel modello, ed è un’immagine, sono verosimili

- “ed in proporzione a quegli altri: perché come l’essenza sta alla generazione, così la verità sta alla fede” – spiegazione generale; spiegazione di ‘fede/credenza’ – aporia e soluzione – spiegazione di ‘verità’

- “se dunque, Socrate, poiché sono state dette molte cose riguardo a svariate questioni concernenti gli Dei e la generazione del Tutto, non siamo in grado di offrirti dei discorsi assolutamente e perfettamente congruenti fra loro ed esatti, non ti stupire

- “ma purché non ti offriamo discorsi meno verosimili di altri, bisogna contentarsi ricordando che io che parlo e voi che siete i giudici abbiamo natura umana, perciò intorno a tali questioni ci conviene accettare un mito verosimile e non cercare più lontano

- Socrate: “Perfetto, Timeo, e allora bisogna assolutamente accettare le cose così come tu ci consigli di fare: intanto, con grande piacere abbiamo accolto il tuo proemio, ed ora continua e fa’ che noi ascoltiamo il canto.

 

Commento al Timeo – II parte, III sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

482466_416933671738863_749970233_n

  • I. Teoremi ausiliari

I. 3 Il Modello Eterno

Di nuovo proprio questo dobbiamo considerare di esso, vale a dire in base a quale dei due modelli l’artefice lo realizzò, se guardando a quello che è nello stesso modo ed identico, oppure a quello generato.” – Spiegazione generale; Natura ed ordinamento del Modello: opinioni degli esegeti – dottrina di Siriano – accordo fra questa dottrina, quella di Platone e quella di Orfeo; In che senso il ‘Modello generato’; Analisi dei singoli termini

Se questo cosmo è bello ed il demiurgo è buono, è chiaro che guardò al modello eterno: altrimenti, ma non è neppure lecito dirlo, a quello generato.”

E’ chiaro ad ognuno che rivolse il suo sguardo a quello eterno: infatti l’uno (il cosmo) è il più bello degli esseri generati, l’altro (il demiurgo) la migliore fra le cause. Dunque, generato in questo modo, il cosmo è stato realizzato sulla base di quel modello che può essere appreso con il ragionamento ed il logos e che è sempre allo stesso modo” – Perché “il più bello” e “il migliore”; Perfetta esattezza del linguaggio di Platone

stando così le cose vi è l’assoluta necessità che questo cosmo sia ad immagine di qualcosa.”

La cosa più importante in ogni questione è cominciare dal principio secondo natura.”

Commento al Timeo – II parte, II sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

  • I. Teoremi ausiliari

I.2 Sul Demiurgo

D’altra parte diciamo che ciò che è nato si è necessariamente generato per una certa causa” – Ricapitolazione dei principi di base

Dunque l’Artefice e Padre di questo nostro universo è un’impresa scoprirlo e scopertolo rivelarlo a tutti quanti” – analisi dei singoli termini: “Artefice e Padre”; “questo nostro universo”; “è un’impresa trovarlo”; “trovatolo, non è possibile rivelarlo”

Chi è il Demiurgo?

- Opinioni degli Antichi; Dottrina di Siriano e di Proclo; Il Demiurgo è Zeus, presso Orfeo e presso Platone;

In quale classe di Dei collocare il Demiurgo?

Spiegazione generale – accordo fra Platone, Orfeo e gli Oracoli

Commento al Timeo – II parte, I sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

II Parte – Il trattato sul Cosmo

  • I. Teoremi ausiliari

I.1 Il Cosmo è generato

bisogna innanzi tutto considerare di esso ciò che abbiamo stabilito di dover considerare in principio riguardo ad ogni cosa”

vale a dire se è sempre esistito, e non ha alcun principio di nascita, oppure è generato, traendo origine da un qualche principio.” – spiegazione generale; Γνεσις, diverse teorie degli esegeti; In che cosa consiste l’eternità del Cosmo; ἦν ἀεί; γέγονεν; γενητς; Il Cosmo è γενητς nell’infinità del tempo.

E’ nato: infatti è visibile e tangibile ed è fornito di un corpo, e tali proprietà sono tutte cose sensibili, e ciò che è sensibile, che si coglie con l’opinione mediante la sensazione, è evidentemente soggetto a divenire e generato.” – Spiegazione generale del ragionamento; Spiegazione di ‘γέγονεν’; Spiegazione di ‘ὁρατὸς γὰρ ἁπτός τέ ἐστι’, critica ad Attico; Ritorno al problema dell’eternità del Cosmo; Critica delle altre interpretazioni; Conclusione delle aporie; Spiegazioni sul linguaggio di Platone; differenze fra Platone ed Aristotele.