Epiteti e titoli di Plutone – IV parte (Ὀβριμόθυμος – Ψυχοφθόρος)

602925_341052575995979_588723028_n

EPITETI E TITOLI DI PLUTONE [LINK DOCUMENTO PDF ONLINE]

“il nome Haides è così lontano da derivare da ἀειδές, ‘l’invisibile’, ma è ben più probabile che, da εἰδέναι, dal ‘sapere’ Lui ogni cosa bella, dal legislatore fu chiamato Haides.” (Platone, Cratilo 403a-404b)

– Ὀβριμόθυμος
– Ὁμόσπορος
– Οὐδαῖος
– Πάγκοινος
– Παγκοίτης
– Παμφάγος
– Πανδαμάτωρ
– Πανδοκεύς/Πάνδοχος
– Πάνσοφος
– Παντοβαρὴς
– Παντοκράτωρ
– Παντοφάγος/Πανφάγος
– Πανυπέρτατος
– Πατροκασίγνητος
– Πελώριος
– Πένθιμος
– Πικρός
– Πιστός
– Πλουτοδοτῶν
– Πολύαρχος
– Πολυδάκρυος
– Πολυδέγμων
– Πολυδέκτης
– Πολύκλαυτος
– Πολύκοινος
– Πολύμοχθος
– Πολύξενος
– Πολυσημάντωρ
– Πολυώνυμος
– Πόντιος
– Πόσις
– Πρηΰς
– Προῦπτος
– Πτερωτός
– Πυλάρτης
– Σκηπτοῦχος
– Στυγερός
– Στυγνός
– Σωτὴρ
– Ταμίας
– Ταχὺς
– Τίμιος
– Τύραννος
– Υἱός
– Ὑπείροχος
– Ὑπέρθυμος
– Ὑποχθόνιος
– Ὑψιμέδων
– Φθονερός
– Φόνιος
– Φόρκος
– Φυτηκόμος
– Χαίρων
– Χαμαίζηλος
– Χθόνιος
– Χρυσάνιος
– Ψυχοφθόρος

Calendario Religioso – Elaphebolion – Ἐλαφηβολιών

IX Mese del Calendario, IV anno della 698° Olimpiade –  sacro ad Artemide ‘Cacciatrice di cervi’

[Elaphebolia, Dionysia en astei, Pandia, (Galaxia – Equinozio)]

In una data non specificata del mese, è previsto il sacrificio di una giovenca ad Eracle, a Thorikos (SEG 33 147, A, 37). Sempre a Thorikos e sempre in una data non specificata è previsto il sacrificio di un agnello a Zeus (SEG 33 147, A, 37, 40)

Nel 304 aev vennero stabiliti sacrifici ad Atena Poliade, a Nike, a Soteria e all’Agathe Tyche durante il mese di Elaphebolion (Attica (IG I-III) 16 114[2]) per la salvezza dei combattenti.

ΥΠΕΡ ΑΘΗΝΑΣ
ΥΠΕΡ ΝΙΚΗΣ
ΥΠΕΡ ΣΩΤΗΡΙΑΣ
ΥΠΕΡ ΑΓΑΘΗΣ ΤΥΧΗΣ

selcuk_dj-13042004-0215c_beautiful-artemis

Calendario Religioso dell’Attica – Elaphebolion [documento pdf online]

Principali Celebrazioni del Mese

– Dal tramonto del 4 Marzo, VI giorno – Ἓκτη Ἱσταμένου
Elaphebolia- sacrificio in onore di Artemide Elaphebolos; preparazione della torta elaphos.

– Dal tramonto del 6 Marzo, VIII giorno – Ὀγδόη Ἱσταμένου
Giorno sacro ad Asclepio – canto del Peana e sacrificio nel Santuario;
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Proagon;
Riunione degli Iobakkhoi.

– Dal tramonto del 7 Marzo, IX giorno – Ἑνάτη Ἱσταμένου
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Eisagôgê, processione serale dal Tempio di Dioniso Eleuthereos fino all’Accademia; sacrificio degli efebi e inni al Dio dell’eschara; Eisagôgê apo tês Eskharas – processione notturna, ritorno di Dioniso al tempio sotto l’Acropoli.

– Dal tramonto dell’8 Marzo, X giorno – Δεκάτη Ἱσταμένου
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Pompè, grande processione, vero inizio delle Dionysia cittadine; grandi sacrifici, sacrificio del toro; Dioniso nel teatro; komos.
sacrifici e libagione a Dioniso dagli Iobakkhoi.
Sacrificio a Gaia (Tetrapoli di Maratona)
Fine della tregua sacra per i Piccoli Misteri.

– Dal tramonto del 9 Marzo, XI giorno – Ἑνδεκάτη
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Agoni ditirambici; komos.

– Dal tramonto del 10 Marzo, XII giorno- Δωδεκάτη
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Agoni comici.

– Dal tramonto dell’11 Marzo, XIII giorno – Τρίτη Μεσοῦντος
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Agoni tragici.

– Dal tramonto del 12 Marzo, XIV giorno – Τετάρτη Μεσοῦντος
Luna Piena.
Ta Megala Dionysia – Dionysia en astei – Agoni tragici.
Pandia, in onore di Zeus e/o di Selene e/o Pandion (con la Luna Piena)

– Dal tramonto del 13 Marzo, XV giorno – Πέμπτη Μεσοῦντος
Sacrificio privato a Kronos

– Dal tramonto del 14 Marzo, XVI giorno – Ἕκτη Μεσοῦντος
Onori a Semele e Dioniso (Erchia e Torico)
Assemblea circa le Dionisie cittadine.

– Dal tramonto del 20 Marzo, XXII giorno – Ἐνάτη Φθίνοντος
Equinozio di Primavera.
Galaxia, in onore della Madre degli Dei.

– Dal tramonto del 28 Marzo, XXX Ἔνε καὶ νέα/ Τριακάς
Ἑκάτης δεῖπνον

                                        ΤΥΧΗ ΑΓΑΘΗ

Calendario Religioso – Anthesterion – Ἀνθεστηριών

VIII Mese del Calendario, IV Anno della 698° Olimpiade  – sacro a Dioniso – “in questo mese inizia la fioritura e alle Anthesteria si offrono fiori.”

[Anthesteria, En Agrais Mysteria, Diasia, Chloeia]

Ottavo mese dell’anno. Sacro a Dioniso. Il nome deriva dal fatto che “in questo mese inizia la fioritura e alle Anthesteria si offrono fiori.” Come del resto conferma anche Arpocrazione: “Anthesterion: questo ad Atene è l’ottavo mese, sacro a Dioniso. Istro nei libri della Raccolta dice che si chiamava in questo modo perché in quel periodo fiorisce la maggior parte dei frutti della terra.”, e i lessicografi ricordano in particolare la fioritura dell’uva. (Et. Mag. e Harp. s.v.; Bekker Anecd. I, pp. 208, 403; Suda s.v.). Da notare che ‘Anthesteriades’ si diceva anche delle fanciulle in età da marito, dunque vicine allo ‘sbocciare’. (Hesych. s.v. Anthesteriades)

E una volta che, dopo il Solstizio, sessanta invernali giorni Zeus abbia compiuto, allora la stella di Arturo, lasciata la sacra corrente dell’Oceano, risplendente di luce si leva al crepuscolo. Al suo seguito, la rondine figlia di Pandione, che geme acutamente, si lancia verso la luce della primavera che nuovamente nasce per gli umani; prima che appaia pota le viti, perché è il momento buono.” (Esiodo, Erga 565-570) “Sessanta giorni dopo il Solstizio d’inverno, quando il Sole è nei Pesci, allora Arturo che è parallelo alla Vergine, al tramonto del Sole si leva in diagonale.” “In questi versi ricorda il tempo della potatura della vite- chiamano ‘oinàdes’ le viti- ormai apparsa la primavera, dopo la levata serale di Arturo e la comparsa della rondine.”

Il canto della rondine: la sua voce non è una lamentazione; è invece un canto compiacente ed esortativo alle opere. Per questa ragione durante l’inverno, né vola né canta.” (Suda s.v. Χελιδόνιον μέλος) – “è chiaro il detto, è l’inizio della primavera: sembra infatti che insieme alla primavera si mostri anche la rondine.” (cf. Arist. Cav. 419 e schol. Arist. Pace 800; Simonide, 90.1.1; Lucret. I.11; cf. V.735)

In una data non precisata del mese (probabilmente in occasione delle Chloeia), il calendario della Tetrapoli di Maratona prevede un sacrificio biennale di una scrofa a Demetra Eleusinia, e di una a Demetra Chloe da parte del demarco (IG II2 1358, col. II, 48-49)

314164_10151050720525778_1993633872_n

Calendario Religioso dell’Attica – Anthesterion [documento pdf online]

Principali Celebrazioni del Mese

– Dal tramonto del 30 Gennaio, II giorno- Δευτέρα Ἱσταμένου
Sacrificio di un giovane capro a Dioniso (Erchia)

– Dal tramonto del 31 Gennaio, III giorno – Τρίτη Ἱσταμένου – Τριτομηνίς
Incontro dei Thiasotai di Bendis a Salamina.

– Dal tramonto dell’8 Febbraio, XI giorno – Ἑνδεκάτη
Anthesteria- Pithoigia, ‘apertura delle botti’- il vino nuovo viene portato in Città; mercato del vino nuovo; apertura delle botti al tempio di Dioniso en limnais; simposio pubblico.

– Dal tramonto del 9 Febbraio, XII giorno- Δωδεκάτη
Anthesteria- Khoes, ‘boccali’, miarà hemera, giorno impuro, chiusura di tutti i templi- azioni rituali al mattino; banchetti pubblici- gara di bevute; processione per l’arrivo in città di Dioniso- komos; ritorno al tempio e atti rituali.
Sacrificio a Dioniso (Torico)

– Dal tramonto del 10 Febbraio, XIII giorno – Τρίτη Μεσοῦντος
Anthesteria- Khytroi, ‘pentole’- processione notturna dal Limnaion al Boukolion- nozze sacre; preparazione della panspermia per Hermes Chthonios e Dioniso; ‘chytrinoi agones’, danze corali, Aiora/Aletis.
Hydrophoria

– Dal tramonto dell’11 Febbraio, XIV giorno – Τετάρτη Μεσοῦντος
Luna Piena

– Dal tramonto del 17 Gennaio, XX giorno – Εἰκοστή/ Εἰκὰς al 23 Febbraio, XXVI giorno – Πέμπτη Φθίνοντος
En Agrais Mysteria.

– Dal tramonto del 20 Febbraio, XXIII giorno –  Ὀγδόη Φθίνοντος
Diasia, sacrifici in onore di Zeus Meilichios (previsto ad Agrai anche nel cal. di Erchia)- apophras hemera, giorno ‘impuro’

– Dal tramonto del 26 Febbraio, XXX Ἔνε καὶ νέα/ Τριακάς
Ἑκάτης δεῖπνον

ΤΥΧΗ ΑΓΑΘΗ

Rivista Hellenismo – XXXVIII

cov

Trentottesimo numero della rivista online ‘Hellenismo’

Link documento pdf

 

INDICE

Chaos, Giano e … esempio di dialogo fra le Tradizioni
Epiteti di Iside – cenni [con un approfondimento sul termine ‘divinità’ nei geroglifici]
Imagines Deorum: Hades-Aita-Pluto
Epiteti e Titoli di Plutone (Ἀγησίλαος – Ζαγρεύς)
Il diadema imperiale di Artemide. Efeso in età romana

Hellenismo, Quaderno di Studi, III Volume: una breve presentazione

Calendario Religioso – Poseideon – Ποσειδεών

VI Mese del Calendario, IV anno della 698° Olimpiade  – sacro a Poseidone (Posideia) – mese del Solstizio Invernale.

[Plerosia, Posideia, Dionysia rurali, Haloa]

E’ il sesto mese del calendario Attico e ha questo nome in quanto è sacro a Poseidone. (Harp. e Phot. s.v. Ποσειδεών; Anecd. Bekker 279.16) E’ importante notare che, mentre tutti gli altri mesi traggono il nome o da una festa o da una qualche caratteristica particolare del mese, quest’unico prende il nome dal Dio direttamente. Secondo i calendari dell’età omerica e di Solone, il primo mese è quello dedicato alle nozze (Gamelion, il mese che segue sempre il Solstizio Invernale) mentre l’ultimo è quello dedicato a Poseidone, ossia Poseideon; infatti “Poseidone è la causa del mare, poiché è la causa dell’essere bevibile (poseos) per i fiumi e per tutte le altre acque, le quali scorrono versate dal mare, da cui sia le piogge, sia i fiumi traggono origine. Per questo gli abitanti dell’Attica chiamano il mese del Solstizio Invernale Poseideon.” (Eusth. schol. Il. XV 188; 1012.40)

Nelle Anacreonteia (337) troviamo che il mese di Ποσιδηϊὼν è il periodo delle piogge e del freddo intenso. Inoltre “la prima deposizione delle uova ha luogo in Poseideon, prima del Solstizio, l’ultima in Primavera.” secondo la testimonianza di Aristotele.

Teodoro, nel De mensibus, dà al martin pescatore, o alcione, il nome ‘Poseideonίs’ perché genera i suoi piccoli nel mese sacro a Poseidone: la bellissima storia di Alcione e Ceice, del loro amore e successiva trasformazione in uccelli è ben nota e narrata da diversi autori antichi. La coppia di uccelli, il cui amore rimane a simbolo della grazia degli Dei- infatti gli alcioni formano una sola coppia per la vita, come narra Ovidio- si unisce in questo periodo e la femmina crea il nido e deposita le uova, sulla spiaggia vicino al mare, proprio nei sette giorni precedenti e seguenti il Solstizio d’inverno. In questi quattordici giorni, non si verificano mai tempeste e il padre di Alcione, Eolo, “imprigiona i venti nella loro caverna, e assicura un mare calmo per la sua progenie.” I primi sette giorni sono dedicati alla cova delle uova, mentre gli altri sette al rafforzamento dei piccoli, finchè non saranno in grado di volare da soli. Questi sono i celebri ‘giorni alcionii’, caratterizzati dalla bonaccia e dall’assenza di tempeste garantite dalla compassione e benevolenza di Zeus che “porta calma per quattordici giorni, e gli abitanti della terra lo definiscono periodo in cui il vento è dimenticato, la sacra stagione dell’allevamento dell’alcione dai molti colori”. ‘Giorni alcionii’ è diventata una frase proverbiale per indicare un periodo di quiete ed inaspettata fortuna, proprio come i giorni senza tempeste nel pieno della stagione invernale: “giorni senza vento e con il mare calmo sono detti Alkyonides”. Da non dimenticare inoltre che Alcione è anche il nome di una delle Pleiadi (unitasi appunto a Poseidone) e la costellazione delle Pleiadi risplende nel cielo proprio nella notte del Solstizio Invernale; inoltre l’alcione è un uccello difficile da scorgere e, stando alla testimonianza di Plinio, è osservabile durante i Solstizi “e poi scompare immediatamente”. (Ovidio, Metam. XI, 410; Es. Cat. fr.15; Apollod. I, 7; Igino, Fab. 65; Virg. Georg. I, 399; Schol. Il. T 562; Hesych. s.v. Ἁλκυονίδαι ἡμέραι; Simonide PMG 508 Page; Arist. Hist. An. 542b4-24; Suda s.v. Ἀλκυονίδες ἡμέραι; Plin. Nat. 2.47, 10.47)

Questo è anche il mese del Solstizio Invernale: “la stagione in cui Helios Re lasciando i limiti estremi delle regioni meridionali, fa ritorno di nuovo fra noi e fa la volta al Capricorno come fosse una meta, per dirigersi da mezzogiorno verso settentrione ed elargire a noi le sue annuali benedizioni…la solennità di Helios Invitto.” (Giuliano, Or. a Helios Re, 156) Ad ogni modo, in moltissimi Calendari tradizionali, il 25 Dicembre (ossia, tre giorni esatti dopo il Solstizio) è indicato dalla seguente ‘rubrica’: ΗΛΙΟΥ ΓΕΝΕΘΛΙΟΝ: ΑΥΞΕΙ ΦΟΣ (“nascita di Helios: la luce cresce” – un evidente caso di ‘appropriazione indebita’ da parte dei cristiani!)

Inoltre “in questo mese le cause giudiziarie più importanti riguardanti le cose più grandi usavano essere dibattute.” Suda e Arpocrazione (s.v. Διαμεμετρημένη ἡμέρα) affermano che: “E’ un certo ammontare di acqua che scorre a intervalli misurati in un giorno; si usava misurarla nel mese Poseideon, in modo che, naturalmente, quelle cause giudiziarie più importanti e che riguardavano le cose di maggior valore si usavano tenere in questo mese. L’acqua era divisa in tre parti, una per il querelante, una per la difesa, e una per la giuria.” Anche Eschine (3.197) parla di Διαμεμετρημένη ἡμέρα, riferendosi al tempo misurato con la clessidra ad acqua per gli oratori nei tribunali.(cf. Aristotele, Ath.Pol. 67.3-4)

Dal calendario della Tetrapoli di Maratona, in una data non specificata del mese, è previsto un sacrificio di un bue (l’offerta più costosa dell’intero calendario: 150 dracme) e di una pecora ad una divinità maschile il cui nome è perso, alle Heroine una pecora, e a Gaia ‘nei campi’ una mucca gravida- dato il mese e le altre divinità implicate nel sacrificio, il Dio potrebbe essere Poseidone. (IG II2 1358)

g

Calendario Religioso dell’Attica – Poseideon [documento pdf online]

Principali Celebrazioni del Mese

– Dal tramonto del 4 Dicembre, V giorno – Πέμπτη Ἱσταμένου
Plerosia, in onore di Zeus

– Dal tramonto del 7 Dicembre, VIII giorno – Ὀγδόη Ἱσταμένου
Posideia
Sacrificio privato a Poseidone Chamaizelos

– Dal tramonto del 14 Dicembre, XV giorno – Πέμπτη Μεσοῦντος
Luna Piena
Kat’Agroùs Dionysia- Dionisie rurali (Theoinia?) – processione fallica, sacrifici, agoni e rappresentazioni teatrali.

– Dal tramonto del 15 Dicembre, XVI giorno – Ἕκτη Μεσοῦντος
Kat’Agroùs Dionysia- Dionisie rurali- Askolia.
Sacrificio a Zeus Horios e Atena Horia (Erchia)

– Dal tramonto del 18 Dicembre, XIX giorno- Ἐνάτη Μεσοῦντος
Sacrificio privato agli Anemoi (Venti)
Riunione περὶ Διονυσίων a Myrrhinos.

– Dal tramonto del 21 Dicembre, XXII giorno – Ἐνάτη Φθίνοντος
Solstizio Invernale

– Dal tramonto del 25 Dicembre, XXVI giorno – Πέμπτη Φθίνοντος
ΗΛΙΟΥ ΓΕΝΕΘΛΙΟΝ: ΑΥΞΕΙ ΦΟΣ
Haloa, in onore di Demetra e Dionysos; processione da Atene ad Eleusi, pannychis, ‘feste dell’aia’, Mysteria di Demetra, Kore e Dioniso, banchetto;
onori a Poseidone Patêr, Prosbatêrios (‘degli avvicinamenti’) e Themeliouchos (‘detentore delle fondamenta) e Persephone.

– Dal tramonto del 29 Dicembre, XXX Ἔνε καὶ νέα/ Τριακάς
Ἑκάτης δεῖπνον

ΤΥΧΗ ΑΓΑΘΗ

Calendario Religioso – Maimakterion – Μαιμακτηριών

V Mese del Calendario, IV anno della 698° Olimpiade –  sacro a Zeus (Maimakteria) – inizio ‘ufficiale’ della stagione invernale, definito in modo specifico “mese invernale”.

[Maimakteria, Pompaia]

E’ il mese che segna l’inizio ‘ufficiale’ della stagione invernale ed è definito in modo specifico “mese invernale” (Ulp. 35, Olynth. 3, 603); è anche il mese di cui sono note meno celebrazioni religiose (Maimakteria e Pompaia, entrambe in onore di Zeus- le date di entrambe sono incerte) e per cui il calendario di Erchia non segna alcun sacrificio; poche, rispetto agli altri mesi, anche le riunioni dell’assemblea.
Il fregio del calendario mostra appunto un uomo avvolto nel mantello (la personificazione del mese), l’aratura sacra e la semina (si concludono definitivamente i lavori per i campi), ed infine il segno zodiacale del Sagittario.
Il nome del mese d’altra parte rimanda alle tempeste e all’inclemenza del tempo in questa stagione: ‘che si precipita furiosamente; che sconvolge; mosso a furore; agitarsi fortemente’ (Hesych. s.v. μαιμαί, μαίμαξ, μαιμάσασα, μαιμάσσει); il nome deriva decisamente dal verbo ‘maimasso’, infuriare, slanciarsi furiosamente, e Maimaktes è un epiteto di Zeus che significa appunto ‘Tempestoso, Furioso, Violento’. Da notare inoltre che si tratta del mese che precede il Solstizio d’Inverno. “Questo è il quinto mese ateniese. Prende il nome da Zeus Maimaktes. Questo aggettivo significa impetuoso e agitato. Con l’inverno che inizia in questo mese, l’aria è agitata e mutevole.” (Suda e Harp. s.v. maimakterion; Anecd. Bekker 280, 27)

covv.jpg

Calendario Religioso dell’Attica – Maimakterion [documento pdf online]

Principali Celebrazioni del Mese

– Dal tramonto del 6 Novembre, VII giorno – Ἑβδόμη Ἱσταμένου
Maimakteria [data più probabile]

– Dal tramonto del 14 Novembre, XV giorno – Πέμπτη Μεσοῦντος
Luna Piena

– Dal tramonto del 19 Novembre, XX giorno – Εἰκοστή/ Εἰκὰς
Sacrificio a Zeus Georgos

– Dal tramonto del 20 Novembre, XXI giorno – Μετεικὰς/ Ἀμφιδεκάτη
Pompaia, in onore di Zeus Ctesios, Meilichios ed Alexikakos, ed Hermes- processione, purificazione.

– Dal tramonto del 24 Novembre, XXV giorno – Ἕκτη Φθίνοντος/ Ἕκτη μετ’εἰκάδας
Banchetto funebre per i defunti gloriosi di Platea

– Dal tramonto del 29 Novembre, XXX Ἔνε καὶ νέα/ Τριακάς
Ἑκάτης δεῖπνον

ΤΥΧΗ ΑΓΑΘΗ

HELLENISMO, QUADERNO DI STUDI – III VOLUME

Nuova pubblicazione cartacea per il Gruppo Hellenismo!  [Disponibile su Amazon.it Amazon.com]

cov

 

INDICE

Ellade ed Οἰκουμένη:  meditazioni e ricerche varie

– Introduzione   pp. i-vii
– Meditazioni su Rhea  pp. 1-9
– Demetra: cenni teologici e scritti vari  pp. 9-55
Digressione a proposito delle Sirene  pp.  55-61
Digressione a proposito delle Costellazioni    pp. 61-69
Epiteti Celesti, Solari ed Astrali della Dea Iside  pp. 69-82
Digressione sulla Luna – Demetra, Persefone e Selene  pp. 82-88
Digressione a proposito di Abbondanza – Demetra e le Horai   pp.89-101
Digressione a proposito di Demetra, Kore e le Ninfe   pp.101-126
– Eleusi, un esempio di Flora Sacra: il fico e l’asfodelo  pp.126-150
– Visioni dei Misteri. Le statue di culto del santuario di Despoina a Lykosoura in Arcadia  pp.150-152
– Perché l’Accademia venne chiusa – Filosofia e Misteri  pp.153-160
– Vie del Ritorno – il modello del divino Amante  pp.160-169
– Esortazione alla completa Eudaimonia  pp.169-179
– Il tema del Demone personale  pp.179-188
– Hekate: cenni teologici e culto  pp.188-224
– Hecate nelle Nuptiae di Marziano Capella  pp.224-226
– Nomos e Dikaiosyne  pp.227-246
– Nemesi: Inno Orfico e digressioni teologiche  pp.246-264
– Hermes: cenni teologici e culto  pp.264-284
– Afrodite: cenni teologici  pp.284-295
– Riti per la nascita  pp.295-310
– Artemide: Flora sacra e feste  pp.310-325
– “I canti festosi dei satiri.”  pp.325-331
– Le belle figlie della battaglia. L’immagine delle amazzoni nell’arte classica  pp.331-333
– Le Ninfe di Pitsà. Un santuario in grotta nella Grecia classica  pp.334-336
– Sugli Elementi: cenni teologici  pp.336-340
– Mos Majorum  pp.340-344
– «Se i Mani sapessero perdonare»  pp.344-346
– Romano Ritu: Libagioni, I parte – Torte dolci e salate  pp.346-358
– Cupio tubam, eculeum…giochi di bimbi nel mondo romano  pp.358-362
– Le immagini del ricordo. L’iconografia funeraria nella regione di Hadrumetum in età romana  pp. 362-368
– Le divinità marine nei contesti abitativi di Hadrumetum (Sousse) e del suo territorio. Qualche considerazione.  pp.368-371
***
– Orazione per Eleusi, testo originale e traduzione  pp.372-375