Teologia Platonica- Libro V, capitoli 37-40

Sintesi e analisi della Teologia Platonica del divino Proclo.

Libro V, capitolo 37
“Come Platone ha tramandato nel Parmenide la sommità degli Dei Intellettivi.”

Libro V, capitolo 38
“Come Parmenide ha rivelato l’ordinamento intermedio dell’ambito intellettivo e attraverso quali segni specifici.”

Libro V, capitolo 39
“Come Parmenide definisce il terzo ordinamento degli Intellettivi e attraverso quali proprietà specifiche.”

Libro V, capitolo 40
“Esposizione complessiva della teoria concernente la ebdomade intellettiva a partire dalle conclusioni del Parmenide.”

Teologia Platonica- Libro V, capitoli 30-36

Sintesi e analisi della Teologia Platonica del divino Proclo.

Libro V, capitolo 30
“Dottrina teologica sul ‘Cratere’ nel Timeo, che illustra quali sono i generi che sono stati in esso mescolati ed in che modo è principio causale dell’essenza delle anime.”

Libro V, capitolo 31
“Sul fatto che il Cratere nel Timeo ha il carattere di fonte, e richiami, desunti dalle opere di Platone, a proposito del principio e della fonte delle anime.”

Libro V, capitolo 32
“Sul fatto che le tre fonti generatrici di vita, coordinate al Demiurgo, si potrebbero desumere da quanto affermato nel Timeo, quella delle anime, quella delle virtù e quella delle nature.”

Libro V, capitolo 33
“Riferimenti testuali a proposito degli Dei Incontaminati: secondo Platone, essi esistono effettivamente; quale è il carattere specifico della loro essenza.”

Libro V, capitolo 34
“Dimostrazioni più chiare della sussistenza degli Dei Incontaminati secondo Platone.”

Libro V, capitolo 35
“Attraverso più riferimenti testuali si mette in luce come, secondo Platone, bisogna chiamare gli Dei Incontaminati; in questo capitolo si è anche esposto quale sia la loro unità, quale la loro distinzione e quale il loro carattere specifico.”

Libro V, capitolo 36
“Come si potrebbero trarre delle considerazioni di partenza anche sulla settima Monade da quanto è stato detto da Platone in modo misterico solo per cenni.”

Teologia Platonica- Libro V, capitoli 6- 14

Sintesi e analisi della Teologia Platonica del divino Proclo.

 

Libro V, capitolo 6

“Quale è il regno di Crono e come è stato tramandato da Platone nel “Politico”, e di quali aspetti è causa per il cosmo, per gli Dei Encosmici e per le anime particolari.”

Libro V, capitolo 7

“Quale è la vita Cronia delle anime, e quali sono le caratteristiche specifiche di questa rotazione ciclica che ha trasmesso lo Straniero di Elea.”

Libro V, capitolo 8

“In che senso si afferma che le anime si nutrono degli intelligibili e quale è la differenza del nutrimento da parte dei diversi intelligibili.”

Libro V, capitolo 9

“Quali ordinamenti divini il grandissimo Crono pone a capo della totalità dell’universo; in questo capitolo è stata spiegata la Legge Cronia che è stata tramandata nel Gorgia.”

Libro V, capitolo 10

“In che senso questo Dio è specificamente chiamato dai Teologi “mai vecchio” e come Platone ha tramandato questa sua caratteristica specifica.”

Libro V, capitolo 11

“Quale è la Dea generatrice di vita, ed in che modo è colei che congiunge il regno di Crono con quello di Zeus, e quali ordinamenti possiede congiuntamente ad entrambi.”

Libro V, capitolo 12

“Quale è il terzo Padre fra gli Intellettivi e come procede a partire dai principi causali a Lui anteriori, e sul fatto che questo è il Demiurgo del Tutto.”

Libro V, capitolo 13

“Dimostrazioni del fatto che il Demiurgo universale del Tutto è il terzo Padre degli Intellettivi.”

Libro V, capitolo 14

“Replica a coloro che dicono che tre sono secondo Platone i Demiurghi, replica che dimostra attraverso più vie che la Monade Demiurgica è posta per ordinamento prima della Triade nel terzo ordinamento degli Intellettivi.”