Proclo, Commento al Parmenide, I Libro [640.15-668.30]

10659284_10205095106243889_6882184619317776921_n

DOCUMENTO PDF ONLINE

  • Il Fine del dialogo secondo Siriano e Proclo
  • Grandi e Piccole Panatenee – Parmenide e Timeo
  • I personaggi – analogie
  • Lo stile del dialogo – analogie
  • I diversi modi in cui si possono esprimere gli Esseri Divini
  • La Dialettica
  • Il Legislatore e la Dialettica
  • Le tre attività della Dialettica
  • I prologhi dei dialoghi platonici – come vanno analizzati

Non appena giungemmo ad Atene, provenendo da casa nostra, ovvero da Clazomene, sulla piazza incontrammo Adimanto e Glaucone.” [126 A 1-2]

  • Filosofi dell’Italia e della Ionia – Socrate e Platone
  • Italia, Ionia e Atene
  • Uno, Diade e Molteplicità divina
  • Analogie deducibili dai personaggi, altri dettagli
  • Dei e Daimones, altre analogie
  • Agathe Tyche
  • Lo stile del dialogo

Cefalo, dimmi se hai bisogno di qualcuno degli abitanti del luogo, sui quali esercitiamo la nostra influenza».” [126 A 2-4]

  • I Doveri
  • La classe demonica e le anime – l’elevazione e la gioia
Advertisements

Proclo, Commento al Parmenide, I Libro, introduzione, I parte

Raffaello,_concilio_degli_dei_02

Documento pdf online

Prego tutti gli Dei e tutte le Dee di guidare il mio intelletto nella presente contemplazione (θεωραν) e, dopo aver fatto risplendere in me la rifulgente luce della verità, di sviluppare la mia facoltà di comprensione (δινοιαν) per giungere alla scienza stessa (ἐπιστήμην) degli Esseri, di aprire i portali della mia anima in modo che essa possa ricevere l’insegnamento divinamente ispirato di Platone e, avendo ancorato la mia facoltà conoscitiva in ciò che vi è di più luminoso dell’Essere (τὸ φανότατον τοῦ ὄντος – cf. Rep. VII 518c9), di liberarmi da tutta la conoscenza apparente/illusoria (δοξοσοφίας) e dall’erranza fra ciò che non è attraverso lo studio esclusivamente intellettivo degli Enti, attraverso i quali solamente l’occhio dell’anima è nutrito ed irrigato, come afferma Socrate nel Fedro. Prego gli Dei Noetici di accordarmi un intelletto perfetto, gli Dei Noerici una potenza elevante (δύναμιν ἀναγωγὸν), gli Dei Sovrani del Cosmo, che sono al di sopra del Cielo, una attività distaccata (ἐνέργειαν ἀπόλυτον) e separata dalle conoscenze materiali, gli Dei che hanno ricevuto in sorte il Cosmo una vita alata (cf. le ali dell’anima, Phaedr. 246C1 ss. e in Tim. III p. 296.25), i cori degli Angeloi una rivelazione veridica delle cose divine, i buoni Daimones la pienezza dell’ispirazione che proviene dagli Dei, infine gli Eroi uno stato d’animo magnanimo, sacro e sublime. Prego tutte le classi degli Dei senza eccezione di porre in me una perfetta disposizione per partecipare alla dottrina del tutto epoptica e mistica (ἐποπτικωτάτης-μυστικωτάτης) che Platone ci rivela nel Parmenide, con la profondità adeguata a simili realtà, e che ha spiegato per esteso con le sue purissime intuizioni colui che veramente si è imbevuto con Platone dell’ebbrezza dionisiaca (συμβακχεύσας), colui che ha preso parte al banchetto della verità divina e che è per noi divenuto Maestro in questa dottrina e realmente Ierofante di questi insegnamenti divini. Di lui, direi volentieri che è venuto fra gli uomini come modello della filosofia, per apportare i suoi benefici alle anime che dimorano quaggiù similmente alle statue di culto, ai riti e a tutto il culto stesso, e per essere guida alla salvezza (σωτηρίας ἀρχηγὸν) sia per gli uomini del nostro tempo sia per coloro che verranno in seguito.
Che gli Esseri che ci sono superiori ci siano propizi e possa il loro dono far brillare prontamente su di noi anche la luce elevante (
ἀναγωγὸν φῶς).”