Commento al Timeo – II parte, VII sezione

Sintesi- analisi del Commento al Timeo del divino Proclo.

SC228574

  • IV. Natura del Modello. Il Vivente-in-sé

“Stabilita quindi questa cosa, dobbiamo dire quel che segue, ossia a somiglianza di quale fra gli esseri viventi, l’artefice lo realizzò.”
Spiegazione generale: Legame con ciò che precede; A quale Vivente assomiglia il Cosmo
Spiegazione dei dettagli

“Certamente non lo degraderemo pensando che sia stato fatto a somiglianza di nessuno di quelli che sono sotto forma di parte – infatti, essendo simile a ciò che è incompiuto/imperfetto non potrebbe mai essere bello”
Spiegazione generale; Aporie e soluzioni
Spiegazione dei dettagli

“ma noi stabiliamo che esso sia fra tutte le cose la più simile a ciò di cui fanno parte anche gli altri esseri viventi, sia presi singolarmente sia nei loro generi.”
Esegesi dei dettagli

“Infatti quello contiene in sé tutti i viventi intelligibili, come questo cosmo riunisce noi e tutte le altre creature visibili.”
Identità fra il Vivente-in-sé e Phanes orfico
Unità e distinzione degli Intelligibili

“Volendo il Dio che questo rassomigliasse il più possibile al più bello ed al più perfetto fra gli esseri oggetto di intellezione, realizzò un solo vivente visibile che avesse al suo interno tutti quegli esseri viventi che gli fossero per natura affini.”
Spiegazione generale: Rapporto fra il Vivente-in-sé ed il Demiurgo; Corrispondenza fra il Vivente-in-sé ed il Cosmo
Spiegazione dei dettagli

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s